By Erin Holloway

Buju Banton si rivolge all'etichetta 'Coke Head', collega la sua pena detentiva al pestaggio di un gay

Buju Banton punta il dito contro una collusione tra il governo giamaicano e quello statunitense per neutralizzarlo.

Con un nuovo album in cima alle classifiche e una certificazione Gold Album tra i suoi momenti salienti del 2020, sembra che la superstar Buju Banton stia vivendo un anno stellare. Una recente intervista al Breakfast Club, tuttavia, ha trattato alcune dure verità e argomenti controversi, rivelando sinistri segreti a cui il veterano si è aggrappato per molto tempo. Nella discussione sulla cultura musicale popolare, Buju ha parlato dei governi segreti, incluso il suo che ha cospirato per neutralizzarlo e metterlo a tacere. Rispondendo alla domanda di Charlamagne Tha God sul fatto che pensasse di essere stato organizzato, la leggenda del reggae ha divulgato la sua versione della storia contro la versione decennale degli eventi dei media.

Risalendo al lontano 2006, Buju ha tracciato la linea temporale dell'intrappolamento che ha portato a uno dei momenti più difficili della sua vita. C'era un rapporto di Wikileaks uscito nel 2006 che diceva che Buju Banton e un gruppo di uomini armati aggrediscono un uomo omosessuale in Giamaica e io me la sono cavata senza conseguenze, che era la cosa più lontana dalla verità, iniziò Buju.

Quello che è successo veramente Ho avuto un litigio con un ragazzo che è uscito dalla sua bocca nel modo sbagliato e ho dovuto rimetterlo a posto, continua Buju Banton. Non conoscevo la sua affiliazione a nessun gruppo di omosessuali e hanno iniziato a usarlo come un punto di vista e all'improvviso il mio governo ha inviato un addetto diplomatico all'ambasciata degli Stati Uniti e io ero sul radar dal 2006.

Ben consapevole di essere stato preso di mira, il devoto messaggero rastafariano e reggae ha seguito con un'affermazione: la loro neutralizzazione non faceva parte del piano di Dio. Tutti i grandi uomini di cui ho letto, sono finiti tutti in prigione, tutti devono passare attraverso quella forma di persecuzione, persino Cristo, ha detto ai padroni di casa di The Breakfast Club. Pensavano che stessero andando male, ma mio Dio è il più grande pianificatore. Banton è stato condannato per accuse legate alla cocaina nel 2011, scontando la pena in una prigione della Florida fino al suo rilascio nel dicembre 2018.

Su questo argomento, Buju ha criticato le affermazioni di avere un'abitudine alla cocaina, riaffermando che l'unica sostanza che sa consumare è quel sacramento verde della sua religione. Non mi interessa nemmeno davvero dat e cosa vogliono dire dat. Chi lo sa, sa che sono un uomo ganja etero, ha detto.

Ci sono due modi per distruggere un uomo, prima vai ad attaccare il suo personaggio, poi ti muovi per l'ultima uccisione. Lo metti come una testa di cocaina, poi è finito perché la sua parola non sarà considerata di alcun peso, potrebbe essere una testa di droga che ti parla. Quindi questi omicidi di personaggi vengono prima del colpo mortale definitivo, ha detto il cantante.

Affrontando i suoi pensieri sullo stato della musica e mantenendo la sua sanità mentale e spiritualità mentre era in carcere, l'intervista ha visto ancora una volta Buju Banton rifuggire dallo status di icona, dicendo che è soddisfatto di essere un servitore del popolo. Per le forze e gli individui delle 'potenti forze oscure' che lo hanno coinvolto e cercato di seppellirlo, Buju non prova amarezza o rancore, lasciando invece un sottile avvertimento: il padre li perdona; sanno cosa hanno fatto.