By Erin Holloway

Il politico della Florida Ether Big Sean e Beyoncé In Wild Tweets

Un politico della Florida si sta scaldando per aver mancato di rispetto a Beyonce, Big Sean e altri musicisti neri.

Nell'era dei social media, tutto ciò che qualcuno deve fare per aumentare il proprio seguito è dire alcune cose infiammatorie online. Sembra che alcuni politici stiano seguendo le orme del nostro POTUS twittando opinioni bizzarre e controverse semplicemente per fare notizia. KW Miller, aspirante al Congresso della Florida, ha intrapreso un lungo e strano sfogo su Twitter lo scorso fine settimana che includeva selvagge teorie del complotto secondo cui Beyoncé è una donna italiana non nera che va sotto copertura per lavorare per l'investitore miliardario George Soros. Dopo che le dichiarazioni sono diventate virali, Miller ha ammesso che la filippica era principalmente per attirare l'attenzione, dicendo: Sapevamo che tutti i troll e i cattivi attori sarebbero saltati e sarebbero impazziti.

Ora, Miller ha iniziato a recitare come il critico hip hop che nessuno chiedeva, chiamando su Twitter artisti che considera indegni di successo. In primo luogo ha fatto riferimento al presidente di G.O.O.D. musica, il rapper Push T, nei panni di uno spacciatore di cocaina crack che inventa filastrocche e le mette in musica.



Ha poi continuato a prendere di mira Big Sean, scrivendo, Btw, Pusha probabilmente ha avuto il secondo miglior verso su 'Mercy' e questo non è un testamento per lui, è solo una testimonianza di quanto sia pietoso Big Sean come presentatore. Miller ha continuato il suo arrosto, dicendo che Kanye doveva aver fatto beneficenza concedendo un contratto a Sean. Detroit non lo rivendica. Probabilmente una Dej Loaf femminile, ma almeno Dej ha una melodia.

I tweet di Miller sono confusi per molte ragioni, forse principalmente perché non sembra adattarsi al conto di un avido consumatore di hip hop. Si candida a rappresentante del Congresso come candidato indipendente profondamente conservatore e continua ad accusare ogni celebrità che disprezza di essere un membro del cosiddetto Deep State, inclusa la leggendaria Patti LaBelle.

Le teorie del complotto che circondano questo termine ricordano gli Illuminati e suggeriscono che un gruppo di persone ricche e potenti stia segretamente controllando il governo. Anche se alcune versioni di questo potrebbero essere vere, sembra più probabile nel caso di Miller che stia semplicemente cercando di attirare l'attenzione e ri-Tweet mentre si avvicina al giorno delle elezioni.

Articoli Interessanti