By Erin Holloway

'Bam Bam' di Sister Nancy, la canzone dancehall più campionata di tutti i tempi

Il classico Bam Bam di Sister Nancy è forse la canzone dancehall più campionata di tutti i tempi, ma quanto ha tratto profitto da anni di campionamenti?

Quando si tratta di proprietà dei diritti d'autore della proprietà intellettuale nella musica, il reggae/dancehall è forse il più indietro nel settore. Sebbene il genere continui a essere completamente semplificato, la maggior parte degli artisti giamaicani utilizza ancora YouTube come piattaforma principale per le pubblicazioni e talvolta non riesce a far registrare il lavoro legalmente in un modo che li avvantaggia con i diritti d'autore e la possibilità di distribuire licenze di terze parti . È interessante pensare quindi che la musica dancehall e reggae sia così spesso campionata in altri generi musicali, e si pone la questione se ciò sia dovuto al libero accesso per farlo.

Forse una delle canzoni più campionate del genere di tutti i tempi è Bam Bam di Sister Nancy, che è stata inclusa in numerosi brani hip-hop, R&B, EDM e latini. Con alcuni dei più grandi artisti del mondo che presentano un estratto della canzone nella loro musica e nelle loro esibizioni, tra cui Kanye West, Beyoncé, Jay-Z, H.E.R. , il maggiore Lazer e altri, saresti sorpreso di apprendere che la sorella Nancy non ha mai beneficiato finanziariamente dall'uso della canzone del 1982 per oltre tre decenni. Senza la giusta rappresentanza o partner onesti, gli artisti musicali a volte possono guardare il loro lavoro fare numeri per altri per anni indefiniti semplicemente perché non hanno mai rivendicato i loro diritti legali di proprietà o firmato i loro diritti in contratti iniqui.



Mentre Bam Bam è ampiamente ritenuto essere la canzone reggae o dancehall più campionata di tutte, molte persone non sono consapevoli del fatto che i testi originali sono stati scritti dal compianto Toots Hibbert of Toots and the Maytals, l'ultima icona che ha coniato il termine reggae come noi Ho imparato a conoscere il genere come oggi. La band eseguì il brano al Jamaica Festival Song Competition del 1966, che vinse quell'anno, e molti altri. La versione di Sister Nancy, come una delle primissime MC femminili giamaicane, è diventata la più popolare di tutte le cover dancehall.

Suor Nancy e Lady G

Toots and the Maytals cantano nella traccia originale: Bam bam, what a bam bam / Voglio che tu sappia che io sono l'uomo / Che combatte per il bene e non per il male / Andare lì e restare qui / Parlare di questo e parlare di quello / Presto scoprirai l'uomo che dovrei essere. Il veterano della musica giamaicana Yellowman ha ricreato la sua versione dancehall sul Taxi Riddim nel 1982 che dice: Bam bam, what a bam bam / Bam bam dilla, bam bam / Quest'uomo non disturbare nessuno / Mi chiamo Yellowman / Sono appena nato come un giamaicano / Dillo a Yellow ha un sacco di donne / Inna Kingston, anche inna Portland.

Questa traccia ha ispirato la straordinaria versione di Sister Nancy sullo Stalag Riddim lo stesso anno, che abbiamo imparato a conoscere come: One ting Nancy cyaan capire / Wah mek dem a talk bout mi ambition / Some a dem a ask me weh mi get it from / A chuu dem nuh so che viene dalla creazione / Bam bam, ey, che bam bam / Bam bam dilla, bam bam / Che bam bam / Questa donna non disturba mai nessuno / Sono una signora, non sono una uomo / MC è la mia ambizione / Vengo bene con i giamaicani / Quindi bam bam ey / Che bam bam.

Suor Nancy ha freestyle l'intera traccia, che è stata l'ultima registrata delle dieci tracce per il suo primo album. Non ha mai nemmeno trascritto il testo fino a pochi giorni dopo, quando ha dovuto ascoltare la traccia per sentire cosa aveva effettivamente detto nella registrazione. La dichiarazione è stata un successo straordinario per la pioniera della dancehall femminile. Bam Bam è stata la traccia principale dell'album di debutto di Sister Nancy One, Two, prodotto da Winston Riley per la Techniques Records.

Nel corso dei decenni successivi, la traccia è stata rimaneggiata da artisti del calibro di Chaka Demus e Pliers nel 1992, che hanno utilizzato i testi della versione originale di Toots e Maytals. La leggenda narra che la canzone sia stata suonata per la prima volta negli Stati Uniti da Afrika Bambaataa, uno dei padri fondatori dell'hip-hop in una discoteca di New York. Lauryn Hill ha poi fatto riferimento al brano nel 1998 nella sua canzone Lost Ones dal suo album storico The Miseducation of Lauryn Hill. La viralità del brano non è finita qui poiché è apparso in film, spot pubblicitari e altro ancora.

Bam Bam era in particolare una parte della colonna sonora del film del 1998 Gonfiarsi con Nas e DMX e diretto da Hype Williams. Che ci crediate o no, la sorella Nancy, il cui vero nome è Ophlin Russell, non è mai stata contattata per il permesso di usare il brano, e ha scoperto che la sua voce era stata usata nel film guardandolo come tutti gli altri. Immagina la sua sorpresa quando sente il suo lavoro in un film così grande, sapendo di non averlo autorizzato. La hitmaker di Bam Bam ha ricevuto il disco dalla sorella del produttore Winston Riley, che era stata lì con loro dal salto, quando ha scoperto che il suo nome non c'era.

Winston Riley, il produttore del brano, si era preso il merito insieme a Techniques Records e una Nancy White che di certo non era lei. Ha detto 'guarda questo' e l'ho visto e ho detto 'chi diavolo è Nancy White?' Suor Nancy ha ricordato in un'intervista del 2017 con Vibe Magazine. Quando ha contattato Riley, a Nancy, che all'epoca era a scuola, è stato detto che aveva un sacco di soldi da darle dal film.

Quando è andata a incontrarlo su sua richiesta, si è alzata in piedi e ha rivelato di aver aspettato 12 ore inutilmente e di non aver ricevuto entrate dal film. Questo valeva anche per l'uso della pista nel videogioco Skate EA Sports 2007.

Non è stato fino al 2014, quando la sorella Nancy ha visto uno spot Reebok che conteneva la canzone che ha deciso di intraprendere un'azione legale contro Winston Riley e Techniques Records. Ovviamente ha avuto successo quando li ha portati in tribunale e si è ritrovata con il 50 percento dei diritti sul suo album di debutto, One, Two, e ha ricevuto i diritti d'autore retroattivi legittimi del decennio precedente. Da allora il brano è apparso in altri film come The Interview di Seth Rogen nel 2014, il brano multiplatino di Kanye West Famous from The Life of Pablo nel 2016, Bam di Jay-Z con Damien Marley dal suo album del 2017 4:44 e molto altro ancora.

Anche se ci sono voluti 32 anni prima che suor Nancy ottenesse finalmente i suoi diritti sulla traccia senza tempo, ci sono un sacco di altri artisti del suo tempo che devono ancora raggiungere questa impresa, e alcuni purtroppo sono già morti, il che rende tutto molto più difficile affinché i loro parenti ne traggano sempre beneficio. Ad esempio, il popolare successo di Billy Boyo del 1981 One Spliff A Day è stato campionato di recente nel 2019 su di DJ Khaled Padre di Asahd album . L'etichetta discografica proprietaria dei master, ovviamente, ha dato a DJ Khaled il permesso di utilizzare il brano, ma per quanto riguarda il deejay defunto che è morto poco più che trentenne, sua figlia ha cercato di chiedere un risarcimento ma non aveva il diritto legale di farlo.

I giovani artisti reggae e dancehall al giorno d'oggi sono più diligenti riguardo al loro lavoro e meno negligenti riguardo alla scivolosa questione del copyright. Più che mai, i creatori del genere rivendicano diritti d'autore e si mettono in fila le loro anatre legali quando si tratta di proprietà del copyright. Con così tanti artisti giamaicani firmati con grandi etichette internazionali e i moderni servizi per i diritti creativi a disposizione degli artisti indipendenti, si può solo sperare che certi incidenti alla fine diventino un ricordo del passato. Inizia con l'educazione degli artisti musicali per mitigare le occorrenze delle etichette discografiche che traggono profitto interamente e esclusivamente dalle loro tracce, e in questo momento storico ci sono senza dubbio vaste informazioni a portata di mano.

Articoli Interessanti